Se sapessi suonarlo io, il pianoforte…

agosto 10, 2010

Mood: estasiato
Listening to: Wim Mertens
Playing: con le emozioni
Eating: gelato
Drinking: caffè



… lo spaccherei!”
Ha detto proprio così, mio zio.

Stasera Wim Mertens ha suonato ad Alberobello, sotto un tetto di stelle.
Ha picchiato i tasti ed ha patito con tutto il corpo, avvolto nella luce artificiale arancione.
Ha fatto gorgheggiare l’anima.

Stasera io ero lì e Wim Mertens mi ha portata a compatire con lui.
Non potevo che osservare le sue mani e la tensione dei suoi muscoli.
Non potevo che inseguirlo, trascinata dal ritmo variabile della sua musica. Sempre incompiuta.
Non potevo che lasciarmi sconvolgere, senza ritegno, fino allo sfinimento.

Lo stomaco non ha smesso di ardere e farmi male per ore e ore.

Quasi non mancava niente.

2 Responses to “Se sapessi suonarlo io, il pianoforte…”

  1. ilaria Says:

    Wim Mertens. Alberobello.
    Non mancava niente, sul serio.

    E’ bello ritrovarti nei modi più disparati. Fondamentalmente è bello ritrovarti, punto.
    Un bacione do.


  2. alle volte il mio sentirmi costantemente incompleta mi fa rabbia. ma questa volta, è durato poco. lui ha riempito tutti i vuoti.

    è bello anche per me ritrovarti. c’è una strana emotività a legarmi a te.

    ti abbraccio.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: