Avrei voluto raccontarti dei colibrì nello stomaco

giugno 19, 2012

Mood: cosìcosà
Reading: noiosissime dispense universitarie scritte con i piedi a dir poco
Listening to: The Shins – New Slang
Watching: Comizi d’amore di Pierpaolo Pasolini
Playing: magaaari!
Drinking: latte
Eating: mezza carota cruda



Avrei voluto raccontarti dei colibrì nello stomaco che sono il modo in cui ti sei insediato dentro me.

Sai che i colibrì nessun’altro li eguaglia,
il loro cuore, grande in proporzione più di quello di un uomo, picchia fino a milleduecentosessanta volte al minuto e le loro ali, piumaggi leggeri e variopinti, frullano fino a duecento volte al secondo quando sono innamorati premendoli in voli ronzanti fino a cento chilometri orari,
di certo lo sai,

tutti gli organi interni mi si sono riposizionati sulle bordate d’ali dei colibrì nello stomaco.

Ecco, avrei voluto raccontarti dei colibrì nello stomaco,
ma di quando dentro me si sono spenti e non è rimasta che la fenditura vacante di una lunga onda frequenza condannata a non ripetersi

e io a contorcermi sui perché e sui quando da sola a imparare e accettare che niente è così tanto speciale a eccezione di quello che crediamo tale e per il quale siamo disposti a offrirci con la cassa toracica scoperta.

9 Responses to “Avrei voluto raccontarti dei colibrì nello stomaco”

  1. eta849 Says:

    Suggerimento: o di quello che *decidiamo* tale?

    Con amore, dal profondo del mio respiro

    • dorotea Says:

      Lo approvo, sì. In me le due cose sono sinergiche: se decido è perché credo e se credo lo faccio con un’intensità tale da avere una decisione. In questo contesto, diciamo che “credere” crea il contesto sacrale in cui subentra l’offerta di sè.🙂
      Ti stritolo tra le mie braccia, donna primavera.

      • eta849 Says:

        “Credere” non nel senso di dubitare, quindi, ma, all’opposto, nel senso di “credere in qualcosa”.
        Ok, allora rimangio il suggerimento: non serviva.😉

        Affogo volentieri nello stritolamento, donna!

  2. Claudiappì Says:

    I colibrì nello stomaco❤

  3. Sfigantessa Says:

    Mi viene da scrivere “cazzo”,esclamando in maniera triste,tipo per dire “hai colto nel segno” oppure “mi hai preso i pensieri e li hai scritti”. I miei colibrì nello stomaco sono abbastanza indecisi al momento,vanno e vengono,sono colibrì instabili. Ma va bene anche così,alla fin fine.

    • dorotea Says:

      Sì, capita. I colibrì di cui si racconta qui credevano di essere insostituibili e immortali. Eppure…🙂
      È importante saperlo riconoscere a se stessi però, senza vivere nelle finte convinzioni abitudinarie.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: