L’albero genealogico del mio olandese

dicembre 2, 2013

Mood: gratificato
Reading: Reif Larsen, Le mappe dei miei sogni
Listening to: Blues Jam in ChicagoI Can’t Hold Out [il blues mi ha ormai rapita, ciao]
Watching: Shame di Steve McQueen
Eating: biscotti al burro
Drinking: te



A un’analisi generica e poco approfondita, l’apprendimento di una nuova lingua sembra contenersi in una memorizzazione granitica di vocaboli, costrutti sintattici, regole grammaticali e principi di pronuncia, una somma monumentale di elementi in effetti la cui incombenza soltanto potrebbe giustificare l’incuria di un altro aspetto nodale relativo all’apprendimento di una nuova lingua, laddove questa venga appresa in uno Stato che l’abbia come sua ufficiale, andandoci a vivere a un certo punto, e per strada piuttosto che sui libri: ovvero che, l’acquisizione di vocaboli, costrutti sintattici, regole grammaticali e principi di pronuncia segue il solco della necessità, vale a dire colui che si sperimenta in una nuova lingua impara dando di volta in volta precedenza a quello di cui ha bisogno nella vita di tutti i giorni e in merito al quale avverte urgenza di espressione perché conta tanto, molto più in un contesto tutto nuovo, la possibilità di raccontarsi. La qual cosa significa che si potrebbe guardare ai personali e diversi processi di apprendimento di una nuova lingua per dedurre dove e come colui che si sperimenta nella specifica nuova lingua in questione stia andando.

Ho considerato allora la possibilità di utilizzare l’albero genealogico del mio olandese – di cui, mentre lo conosco, tengo traccia su foglietti sparpagliati insieme a lunghe liste di ordinazioni, cose da fare, promemoria e pensieri – come punto di introduzione a un’informazione su quello che mi succede dentro.

Ho rilevato che tra le prime asserzioni, accanto a vocaboli come tot ziens (ci vediamo), dank u veel (grazie), alstublieft (prego), mooi (bello), bierje (birretta), artisjokken (carciofi), ansjovis (acciughe), emerge

Ik ben niet kwijt. Ik ben een zwerver.
(Io non sono persa. Io sono una vagabonda.)

trovata un giorno nel capitello di un libro su una panchina in stazione a Rijswijk.
Tra le ultime – wat willen jullie drinken? (cosa volete bere?), mag ik de rekening? (posso avere il conto?), gezellig (intraducibile se non con un concetto a metà tra fico e accogliente), het spijt me (mi dispiace), opdonderen nu (vaffanculo) – si distingue, invece

Ik ben zoek naar mij.
(Io mi sto cercando.)

indotta da una serie illimitata di tentativi telefonici per rintracciare qualcun altro, Goedemiddag. Met Dorotea. Ik ben zoek naar Tizio. (Buon pomeriggio. Sono Dorotea. Sto cercando Tizio.)

Nel mezzo:

Een man op de maan.
(Un uomo sulla luna.)

e

Ik will graag […]
(Io vorrei […])

16 Responses to “L’albero genealogico del mio olandese”

  1. Eta Says:

    A questo post Eta annuisce a tempo di blues con pronti pollice-indice-mignolo.

    [A tema:] Nel mio primo carnet nederlandico l’ultima pagina mostra un tizio fradicio con siga che sguaita auguri di morte agli stupidi uomini che non ascoltano Robert Johnson, aha!

  2. losengriol Says:

    Questo sì che è un albero genealogico! Spettacoloso.Dovrei provarci anch’io.

  3. gelsobianco Says:

    Dorotea, presto torno da te!

    Ti sorrido
    gb

    • dorotea Says:

      E io sorrido alla tua tenerezza.

      Torna quando puoi. C’è sempre spazio qui.

      • gelsobianco Says:

        Ah, questo blues!
        Non riesco a togliermelo dalla testa, Dorotea!

        Proverò anche io a fare un albero genealogico!
        “…come punto di introduzione a un’informazione su quello che mi succede dentro.”
        Non verrà uno spettacolo come il tuo!
        Il tuo è…🙂

        A presto!
        gb

  4. L. Says:

    Il signor L. ha una certa propensione per l’incanto del non comprendere. Di conseguenza è abbastanza negato per le lingue.🙂

    • dorotea Says:

      Il Signor L. ha il privilegio di tali e tanti altri mondi, non comprendendo.
      Ma, secondo me, se si trovasse a vivere la vita di tutti i giorni in un luogo dove parlano una lingua che non comprende, la imparerebbe al volo.

  5. bastax Says:

    a me è capitato di imparare una intera lingua senza mai apprendere i nomi di tutti i frutti e di tutte le verdure. Siamo anche quello che diciamo.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: