4000 metri quadri di vuoto

luglio 7, 2014

Mood: emozionato
Listening to: George Ezra – Blame It on Me
Watching: sagome inchiostro nelle cornici arancioni delle loro finestre
Eating: cocomero
Drinking: estathé



Giovedì 10 luglio, a partire dalle ore 20.00, le Manifatture Knos di Lecce mi ospitano, nell’ambito di ThULab – Spazio per le Arti Visive, un progetto di rete tra Laboratori Urbani e Spazi Pubblici della Regione Puglia per la promozione artistica sul territorio.
In 4000 metri quadri di vuoto, racconterò di me, di quello che racconto e di come lo racconto, di scrittura e processi di illuminazione.
Seguirà la proiezione di Dreamer e dalle 21.00 in poi quella di Nina, un lungometraggio di Elisa Fuksas per la rassegna cinematografica La città protagonista organizzata da Spaziocineforum attorno al tema della visionarietà urbana.

E niente, più che altro spero nelle idee e nelle emozioni di scambio tra me e le persone che incontrerò in questo spazio. Mi interessa la misura con la quale insieme colmeremo 4000 metri quadri di vuoto. Il fatto è che sento il bisogno di crescere.


dorotea_pace_manifatture_knos_thulab

14 Responses to “4000 metri quadri di vuoto”

  1. Fannes Says:

    Carino! In bocca al lupo!


  2. Ma bravissima, complimenti a te!


  3. nah🙂 passi dalla mia città, e io non ci sono. peccato! comunque in bocca al lupo


  4. Quanta roba in poche righe…. I miei chilomentri sono mille🙂
    In bocca al lupo

    • dorotea Says:

      Da anni devo convivere con il fatto che le persone a cui mi piacerebbe stringere la mano in un determinato momento sono sempre a troppi chilometri da me.🙂

      Crepi il lupo!
      Sono davvero molto curiosa di sapere come mi rapporterò a questa nuova situazione.

  5. HappyAladdin Says:

    Ma che bello, che bello.
    Non fosse così presto verrei a sbirciare. In silenzio, eh…
    In bocca al lupo, cara.


  6. fossi a lecce verrei di sicuro… ma ormai la puglia la vedo solo tre settimane all’anno. ti faccio un grande in bocca al lupo, la mia prima volta è stata psicologicamente tremenda, ma è servita, ora sono molto contento di raccontarmi al pubblico. andrai alla grande!

    • dorotea Says:

      L’informalità della situazione mi ha salvata. Il vinello pure! E – come dici tu – situazioni come queste servono a conoscersi e a conoscere meglio il proprio lavoro.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: